Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald, spieghiamo il finale!

In questi giorni si torna a parlare del finale dei Crimini di Grindelwald, secondo capitolo della magica saga di Animali Fantastici che pochi giorni fa è stato trasmesso in prima visione su Canale 5 in prima serata, ottenendo un ottimo 14% di share.

Ma anche dopo due anni dall’uscita nei cinema, i dubbi restano presenti sul finale del film e sulla reale storia che c’è dietro il personaggio di Credence Barebone interpretato da Ezra Miller, anche perchè tutto il futuro della saga con i prossimi tre film sarà tutto focalizzato sulla reale storia del personaggio e del legame tra Silente e Grindelwald.

Con I Crimini di Grindelwald si focalizza tutta l’attenzione sull’Obscuriale Credence, in cerca della sua identità e le sue origini.
In molti hanno pensato che potesse essere il fratello scomparso di Leta Lestrange, ma è proprio lei a raccontare della morte del fratello per colpa di uno scambio di bambini, idea quindi da scartare.




Ci pensa il buon Johnny Depp nei panni di Geller Grindelwald a rivelare la vera identità di Credence e il suo vero nome.
L’Obscuriale a quanto pare è il fratello di Albus Silente e il suo nome è Aurelius Silente, l’unico a poter uccidere proprio Albus.
Subito dopo l’ultima scena del film compare una fenice, che come ben sappiamo appare solo in caso di pericolo ad un membro della famiglia Silente.

Questo però è quello che cercano di farci credere, per noi lettori invece, stando a quanto abbiamo potuto apprendere dalle letture di Animali Fantastici e dai film di Harry Potter, Albus ha un solo fratello, ovvero Aberforth e anche una sorella Obscuriale (proprio come Credence) morta però durante la battaglia finale tra Albus e Grindelwald.

Insomma i dubbi sono tanti e non ci resta che aspettare di vedere il terzo capitolo della saga diranno in molti, peccato che causa Covid-19 verrà sicuramente spostata all’estate del 2022.

Mettiamo caso che Grindelwald dica la verità e che quindi J.K. Rowling voglia sconvolgere la storia che circonda Albus Silente, potrebbe trattarsi di una bugia per ingannare Credence e utilizzarlo solo ed esclusivamente per uccidere Albus stando a qualche strana rivelazione.

Ci sono anche alcuni errori di storyline da segnalare, il primo riguarda la Professoressa McGranitt che vediamo al fianco di Albus Silente nella scuola di magia e stregoneria di Hogwarts, errore madornale visto che il personaggio di Minerva è nata anni dopo l’ambientazione dei Crimini di Grindelwald.
Anche per il padre di Albus è stato fatto lo stesso errore, Percival infatti stando ai racconti è stato mandato nella prigione di Azkaban dove morì esattamente l’anno prima che Albus venne mandato a Hogwarts (quando quindi aveva solo 10 anni circa) ma come possiamo vedere sia Albus che Credence hanno più di 10 anni.

Albus è a conoscenza di poter essere il fratello di Credence/Aurelius?
Se fosse vero, Albus ne è sicuramente a conoscenza, non pensiamo che sia tutto pianificato e che quest’ultimo appoggi il piano malefico di Grindelwald che porterebbe quindi alla morte del fratello.




Alcuni pensano anche che l’Obscuriale di Ariana (sorella di Albus) si sia impossessata di Credence e che quindi Credence sia proprio la sorella sotto forma di uomo, altri pensano che il padre di Albus, Percival, abbia concepito Credence/Aurelius proprio in prigione ad Azkaban prima di morire.

Insomma come potete vedere le teorie sono tante, potremmo star qui a ipotizzare fino all’uscita di Animali Fantastici 3 e probabilmente lo faremo ma è giusto avervi dato alcune informazioni importanti per poter farvi una vostra idea e avvicinarci allo scontro finale con idee più lucide.
Sicuramente ci penserà Zia Rowling a rimettere le cose al suo posto, bisogna dargli fiducia.

Marco Paradiso

Appassionato di film, serie tv e videogiochi. Questa passione mi ha portato a formare grandi community in ogni settore, a conoscere tante persone esperte nel campo. In tutto questo ho coltivato negli anni anche la passione per il video-making e per la grafica in generale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *