Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban tra 25 curiosità ‘inaspettate’

Poco da aggiungere quando si parla di Harry Potter perché, indubbiamente, parliamo di uno dei franchise di maggiore successo di tutti i tempi.

Il binomio Harry Potter-successo viaggia a braccetto praticamente da oltre 20 anni. La saga ideata dalla J.K Rowling continua a riscuotere un successo senza eguali tanto da poter essere definito un capolavoro a tutti gli effetti. Tra tutti i film della saga, quello che desta maggior curiosità resta il terzo capitolo, Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban. Oltre alla curiosità, noi de Il Magico Mondo di Harry Potter, ci aggiungiamo volentieri anche il sostantivo interesse, perché tra tutti, il Prigioniero di Azkaban segna il passaggio tra il mondo di Harry da bambino a quello di ragazzo, dove i pericoli crescono di pari passo con l’età. E’ proprio da questo capitolo, insomma, che le avventure del nostro mago prendono una direzione ben precisa, con la rivelazione di dettagli sul passato di Harry che ne segnano, in pratica, anche il destino.

Non è, insomma, un caso per per molti il film diretto da Alfonso Cuaròn è in cima alla lista dei film preferiti. Un film dove si vede un tono più maturo nell’interpretazione delle scene per non parlare della comparsa di Sirius Black. Tante sono, tuttavia, le curiosità. Curiosità che sono state sintetizzate da mondofox.it.

Parliamo di ben 25 curiosità tra quelle note e quelle ‘ignare’ ai più.

Qui di seguito le 25 curiosità che ci aiutano a capire meglio il mondo di Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban.

  • Alfonso Cuarón non voleva dirigere Harry Potter inizialmente. È stato il suo amico, il regista Guillermo Del Toro, a convincerlo a leggere i libri e dare alla storia di Harry un’opportunità. Il resto è storia.
  • Una volta diventato ufficialmente il regista de Il Prigioniero di Azkaban, Cuarón chiese ai tre giovani protagonisti, Daniel Radcliffe, Emma Watson e Rupert Grint di scrivere dei temi sui loro personaggi. Daniel Radcliffe scrisse una pagina, Emma Watson ben 10 pagine e Rupert Grint non arrivò a scriverne neppure una. Perfetti per i loro personaggi, no?.
  • A Cuarón era piaciuto così tanto il tema di Emma Watson che la piccola attrice lo lesse ad alta voce ai suoi colleghi.
  • Cuarón è il motivo per cui sia Daniel che Emma hanno poi scelto di studiare spagnolo.
  • David Thewlis, l’interprete di Remus Lupin, non aveva letto i libri finché non ha ottenuto il ruolo.
  • Per la trasformazione di Thewlis in lupo ci sono volute ben 6 ore per l’attore che, tra l’altro, indossava delle lenti a contatto con cui non riusciva a vedere nulla.
  • L’attrice preferita di Emma Watson era Emma Thompson, che è nel cast del terzo capitolo della saga e interpreta la Professoressa Cooman.
  • Gary Oldman, l’interprete di Sirius Black, ha confessato di aver voluto comportarsi bene sul set di Harry Potter perché sapeva di essere l’idolo di Daniel Radcliffe. Al contrario, Emma Watson non aveva mai sentito parlare di Oldman prima del set.
  • Sempre Oldman ha confessato di aver accettato il ruolo perché “aveva bisogno di lavorare”, dopo aver fatto una lunga pausa dal set. Il suo è stato certamente un ritorno in grande.

  • Durante le riprese Michael Gambon (Silente), Alfonso CuarónAlan  Rickman (Piton) hanno fatto uno scherzo a Daniel Radcliffe: hanno lasciato un palloncino petofono nel suo sacco a pello per la scena in cui tutta al scuola dorme nella Sala Grande, perché Daniel era posizionato al fianco di una ragazza che gli piaceva.
  • Il bus che hanno utilizzato per le riprese del Nottetempo era capace di andare ad una velocità doppia rispetto ad un normale autobus di Londra.
  • Per mostrare questa specialità anche nelle riprese hanno fatto in modo che le macchine intorno al bus andassero davvero piano.
  • Harry Melling, l’interprete del cugino di Harry, Dudley Dursley, ha dovuto iniziare ad indossare una tuta che lo facesse ingrassare per il film.
  • Alla fine delle riprese, Emma Watson ha tenuto la sua bacchetta, il mantello e la giratempo.
  • Emma Watson ha poi dichiarato di aver messo in banca i soldi che aveva guadagnato.
  • Daniel Radcliffe, invece, ha confessato di aver speso il suo stipendio in CD.
  • Dal film è stato tagliato un abbraccio imbarazzato tra Hermione e Ron.
  • Alla prima del film, tutta la sala ha esultato quando Hermione colpisce Draco.
  • In una delle fredde giornate londinesi, durante la promozione del film, Daniel Radcliffe ha confessato che di aver visto una ragazza fuori dagli studios di New York che non indossava nulla se non un’asciugamano di Harry Potter e un cartellone con scritto “nulla si può mettere tra me e Harry Potter”. Una ragazza molto decisa.
  • Crosta, il ratto di Ron, si è messo a fare pipì durante le riprese di una scena.
  • Per aiutare la recitazione degli attori, al posto dei Dissennatori sono stati usati dei pupazzi, poi resi terribilmente inquietanti con la CGI.
  • Per Fierobecco, invece, la bellissima creatura di Hagrid, è stato utilizzato solo un becco attaccato sulla cima di una stecca. Viva l’immaginazione!
  • Fierobecco è anche l’unico Ippogrifo che compare nel terzo capitolo di Harry Potter, nonostante nel libro ce ne siano molti di più.
  • Durante una scena in cui Harry doveva sembrare completamente sconvolto, senza parole, il regista gli disse di immaginare che davanti a lui ci fosse Cameron Diaz in tanga.
  • J.K. Rowling ha ammesso di aver avuto i brividi durante alcune scene del film perché preannunciavano già cose che sarebbero accadute negli ultimi due film. Ciò nonostante non ha mai spiegato quali fossero queste scene. C’è chi ipotizza che una potesse essere la scena sul ponte tra Harry e Lupin, un possibile riferimento alla futura scoperta del rapporto tra Lily Evans, madre di Harry, e Severus Piton.

Siamo sicuri che alcune tra queste curiosità sono a voi già note. Una cosa, però, è certa: dietro ogni capitolo della Saga di Harry Potter c’è un mondo da scoprire. Un mondo che non smetterà mai di stupirvi e stupirci e che tiene vivo l’interesse per il capolavoro ideato dalla J.K.Rowling.

Avatar

Giancarlo Fusco

Laureato in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche ma da sempre affascinato dal mondo della scrittura. Autore del libro "Alla Ricerca del Natale Perduto". Adoro l’Universo Marvel e DC, Harry Potter, il cinema e per il resto, mi scoprirete!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *