Luna Lovegood: la mia bambola amigurumi

 

La ragazza vicino al finestrino alzò lo sguardo. Aveva capelli disordinati, lunghi fino alla vita, di un biondo sporco, sopracciglia molto pallide e occhi sporgenti che le conferivano un’espressione di perenne sorpresa.  Harry capì all’istante perché Neville aveva deciso di passare oltre quello scompartimento.  La ragazza dava la netta sensazione di essere completamente tocca. Forse era la bacchetta che si era infilata dietro l’orecchio sinistro, o la collana di tappi di Burrobirra che indossava, o la rivista che stava leggendo a rovescio. HP 5

Dovendo scegliere quale personaggio della saga di Harry Potter trasformare nella mia prima bambola amigurumi mi sono resa conto che non poteva che essere Luna.

Forse sarà perché sono sempre stata smistata Corvonero, sarà perché amo Luna, ma una bambola amigurumi di questo personaggio non poteva che essere originale.

Ma partiamo da un po’ di storia: cosa sono gli amigurumi? Nel corso della storia non si sa esattamente quando siano state realizzate le prime bambole fatte a maglia o all’uncinetto, ma gli amigurumi giapponesi come li conosciamo oggi nascono negli anni 60-70 sull’onda della moda del “kawaii” (carino). Il nome unisce le parole giapponesi “Ami”, che vuol dire maglia, e “nuigurumi” che significa creatura di pezza.

L’occorrente per iniziare

I materiali occorrenti sono pochi e semplici, per il filato ti consiglio di fare alcune prove per scegliere quello che preferisci.

– filati in lana acrilica o in cotone

– uncinetto adatto al tipo di filato che hai scelto (se lavori morbido scegli un numero o mezzo numero in meno)

– forbicine

– ago da lana

– occhietti per pupazzi (facoltativi)

Ormai la moda è scoppiata e puoi trovare molti libri per principianti e tutorial. ma basta conoscere i punti base dell’uncinetto per cominciare a sbizzarrirsi con questo rilassante hobby.

 

Io ho cominciato dalle gambe, lasciate morbide nell’imbottatura perché la mia Luna resterà seduta sul mio comodino

Poi sono passata a corpo testa e braccia e poi ho imbottito il tutto e unito il corpo

Arrivata a questo punto per i capelli, occhiali e abiti mi sono fatta aiutare da mia mamma (viva le mamme) molto più esperta di me, ed il risultato finale è veramente bello e merita un posto d’onore in camera mia!!

Sto pensando…quale sarà la prossimo personaggio della saga che entrerà nella mia collezione di amigurumi?… qualche idea??

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *