Harry Potter e il Principe mezzosangue: 10 curiosità che devi sapere!

Sesto appuntamento con la maratona in Tv di Harry Potter! Il secondo film diretto da Davis Yates ci porta in atmosfere sempre più cupe, come anticipato dalla Warner Bros in maniera evidente anche nella sigla iniziale.
Ma non indugiamo oltre sui titoli di apertura e catapultiamoci sulle curiosità!

Christian Coulson che aveva interpretato Voldemort nella camera dei segreti si era offerto di riprendere il suo personaggio ma la produzione cercava un Riddle molto più giovane. La scelta è ricaduta su Hero Fiennes-Tiffin, nipote di Ralph Fiennes (Voldemort) per la giovane età e la somiglianza con lo zio.

Più di 7000 ragazze hanno partecipato al cast per la parte di Lavanda Brown, parte che alla fine andò a Jessie Cave.

J.K. Rowling, dopo aver letto una copia dello script per il film confidò ai produttori che Silente era gay e che l’unica persona della quale sia mai stato infatuato fu Grindelwald.

L’atmosfera ed i colori del film sono ispirati ai quadri di Rembrandt, poi però attenuati per volere della Warner Bros. Yates volendo oh fare su qualcosa di nuovo si affido al direttore della fotografia Bruno Delbonnel, che portò il film ad ottenere la sua unica candidatura agli Oscar per la fotografia.

Le scene per il villaggio di Budleigh Babberton in notturna furono girate a Lacock.

Il set usato per l’ufficio di Lumacorno è un riciclo della stanza delle necessità visto nell’Ordine della Fenice e della sala dei trofei vista nel Calice di Fuoco.

Daniel Radcliffe nel 2012 ha svelato che durante le riprese del sesto capitolo della saga era diventato dipendente dall’alcol e spesso arrivava sul set sbronzo. In pratica, il peso del successo lo stava divorando.

Tre scene sono stata aggiunte al film, successivamente:

1 Harry che flirta con la cameriera della stazione ferroviaria di Surbiton

2 I mangiamorte che distruggono il Millenium Bridge.

3 L’attacco alla Tana fu aggiunto per dare più azione alla prima metà del film, dato che nel libro si parla continuamente di sparizioni, morti e distruzione ad opera dei Mangiamorte. Così i produttori ritennero che fosse il caso di mostrare “dal vivo” uno di questi attacchi coinvolgendo Harry.

La canzone “Ode all’eroe” che Hagrid è Lumacorno cantano verso la fine del film è stata scritta da J.K. Rowling e se ne conoscono solo pochi versi.

Il film è riuscito a non avere nessuna classificazione PG grazie a qualche escamotage. Infatti nel film non vengono mostrati gli inferi nel dettaglio, non viene mostarto l’Avada Kedavra colpire in pieno Silente e non viene mostrato il cadavere di Silente indugiando solo sul suo volto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *